“Tremitante Chapeau”, la raccolta foto-poetica di Ilaria Feoli e Ivan Piano

– Dov’era il cielo quando cadde una stella?

E la terra sotto i piedi; dimmi; dov’è ora?

Nel battito alla cui voce un canto,

e sentieri di vene come fiumi odoranti di prati.

Come guerrieri s’ergono al cui capo,

un solo drappo è il bastone al ciel dipinto.

Ilaria Feoli e Ivan Piano

Presentiamo oggi il libro dal titolo “Tremitante Chapeau” che raccoglie poesie e fotografie di due autori che abbiamo già ospitato all’interno del nostro portale: si tratta di Ilaria Feoli e Ivan Piano. Una collaborazione tra amici, come spiegato nel testo critico che segue.

“… è l’ora del nostro morire.” è il verso di una delle poesie della raccolta Tremitante Chapeau, degli autori Ilaria Feoli e Ivan Piano. Una corrispondenza epistolare come «amici amanti» che ha come leitmotiv la rinascita, il bisogno di condividere il loro mondo caratterizzato di misteriosi richiami, di profonde risonanze psicologiche e di specifici stati embrionali. I due autori ci invitano ad avvicinare l’orecchio a due conchiglie che giacciono purificate, cullate dal moto perpetuo delle onde, per sentire due voci che cantano all’unisono. Uno scambio di stati emotivi contrastanti, che però si legano in un unico desiderio, quello di lasciare una traccia del passaggio per segnare una propria identità e suggerire un mondo ideale e perfetto. Scrivono gli autori: “… ci si trasporta su di un’onda, verso rive, dove il mondo reale è un incognito paesaggio.” L’immaginazione supera la superficie delle cose e si eleva verso una realtà superiore e misteriosa. Il sentimento profondo alimenta il desiderio di comunicarlo all’altro. Il ritmo malinconico scandisce le ventuno liriche, la cura formale, la raffinatezza dell’espressione dei componimenti, e le preziose analogie ci suggeriscono di abbandonarci al loro sentire.

Agata Petralia e Pippo Pappalardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *